Il Programma Housing della Compagnia di San Paolo presenta
“Social & Smart Housing- Bando 2018”

 

 3 milioni di euro per il nuovo bando sul social housing a cadenza biennale 

 

 

 



 

BANDO DI PARTECIPAZIONE AL

PREMIO LETTERARIO NAZIONALE LAURA BOSIA

Terza edizione

Il Club Soroptimist di Asti con il Patrocinio dellaRegione Piemonte, della Provincia di Asti, del Comune di Asti, del Polo Universitario Rita Levi Montalcini, della Fondazione Biblioteca Astense G. Faletti e dell’UTEA (Università delle Tre Età) indice la terza edizione del Premio Nazionale Laura Bosia.

DESTINATARI:  riservato  a  donne  scrittrici  esordienti  di  età  a  partire  dai  18  anni,  di qualsiasi  nazionalità, residenti/domiciliate in Italia;

SEZIONI DEL PREMIO: al premio è ammesso un solo racconto per ogni autrice. L’unica sezione prevista dal bando è: racconto breve, tema: “Che talento essere donna!” per raccontare la storia di donne che in contesti ostili (lavoro, studio, famiglia, etc.) sono riuscite a superare le difficoltà facendo ricorso a pregi e potenzialità tipicamente femminili.

MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE: i testi andranno inviati entro e non oltre il 09/03/2018

per tutte le informazioni leggi e scarica il bando completo e la scheda di partecipazione

 

 




 

 

 

Associazione culturale “Guglielmo Caccia ‘detto il Moncalvo’ e Orsola Caccia” ONLUS
Piazza San Francesco, 1 – 14036 Moncalvo (AT)


PREMIO TESI DI LAUREA‘IL MONCALVO’

2° Edizione

 

L’associazione culturale “Guglielmo Caccia ‘detto il Moncalvo’ e Orsola Caccia” ONLUS, allo scopo di promuovere lo studio e la conoscenza delle opere del pittore Guglielmo Caccia, della figlia Orsola e della sua scuola e più in generale dell’intero territorio del Comune di Moncalvo, indice un concorso per l’attribuzione di un premio per la migliore Tesi di laurea su argomenti inerenti le tematiche relative alle figure di Guglielmo Caccia e della figlia Orsola, o più in generale della città di Moncalvo e del territorio del Monferrato, dal punto di vista storico, artistico, culturale, linguistico o socio-economico.

Il Concorso prevede l’assegnazione di un premio di 1.000,00 euro per le Tesi di laurea discusse nelle sessioni successive al 31 ottobre 2017 e fino al 31 dicembre 2018.

Possono concorrere all’assegnazione del premio i/le laureati/e residenti in Italia che abbiano conseguito il seguente titolo di studio: Laurea specialistica/ magistrale.

I candidati che intendono partecipare al concorso dovranno far pervenire all’associazione (Piazza San Francesco, 1 – 14036 Moncalvo - AT), entro e non oltre le ore 24.00 del giorno 31 dicembre 2018.

 

Qui di seguito il bando e la domanda di partecipazione da leggere e scaricare

 

 



  

 

 

 

ISTITUZIONE BORSE DI STUDIO

Il Progetto culturale della Diocesi di Asti in collaborazione con il Consorzio Asti Studi Superiori Polo Universitario Rita Levi-Montalcini promuove un bando per l’assegnazione di sei borse per lo svolgimento di tesi di laurea, con lo scopo di incentivare gli studenti universitari a trattare, nelle loro tesi di laurea triennale, magistrale, di master o di dottorato di ricerca, tematiche inerenti l’economia, la cultura, la società, la ricerca, la scienza e le tecnologie, da porre in stretta relazione ai territori e alle comunità della Provincia e/o della Diocesi di Asti, anche in considerazione di quanto riconosciuto dall’Unesco come patrimonio dell’Umanità.


MODALITÀ

Le borse di studio hanno la particolarità di essere consegnate non alla fine del ciclo di studi universitari, bensì al momento della scelta della tesi da discutere proprio per favorire concretamente il percorso di ricerca volto alla redazione della loro trattazione scientifica.

Le  borse di studio saranno elargite quale contributo alle spese sostenute nel corso delle attività di ricerca e di redazione della tesi, da discutere nel periodo indicato dal presente bando e consistono in cinque borse da € 500,00.

In via eccezionale, e limitatamente a questa nona edizione del bando, una sesta borsa di studio di € 2.000,00 viene offerta dalla famiglia d’Anelli, per una tesi che riguardi la personalità del compianto dottor Aris d’Anelli ed i suoi interessi di medico, di studioso e di letterato.

 

CONTENUTI

Le tesi di laurea dovranno vertere su temi inerenti gli ambiti dell’economia, dell’ambiente e dei servizi alla persona, con peculiare riguardo alla realtà della città, della Provincia e/o della Diocesi di Asti. La Commissione del Premio ha individuato, per la trattazione:
 

AMBIENTE E CULTURA

Ad esempio:

  • I rapporti tra cittadini e ambiente sono specchio della cultura umana e sociale: adozione di rinnovati modelli etici e di nuovi stili di vita improntati alla sobrietà. Come agiscono i vari poli amministrativi locali a favore del risparmio, dell’uso virtuoso delle risorse e della minimizzazione degli sprechi? Sviluppi in ambito ecologico ed economico.
  • Il tema del rapporto tra ambiente, viabilità, cementificazione e qualità della vita: uso ed abuso del territorio e controllo dei fattori di rischio.
  • Il tema dei “rifiuti”: un indicatore importante delle relazioni comunitarie. Quali possono essere le informazioni di utilità sociale, economica e antropologica derivanti dallo studio dei consumi nel territorio astigiano?
  • Educazione alla cittadinanza attiva e sostenibilità: quali possono essere le buone pratiche per una politica inclusiva nell’astigiano in un’ottica di mediazione tra tradizione ed innovazione?

 

  • ECONOMIA E TERRITORIO

Ad esempio:

  • I dati e i sondaggi di ricerca: sono utilizzati dall’amministrazione pubblica per lo sviluppo dell’Astigiano? Analizzando il rapporto tra i ricercatori e gli amministratori comprendere quale peso assumono i dati disponibili nelle decisioni operative.
  • L’economia nel territorio: sviluppi e prospettive dell’economia rurale e delle nuove agro-tecnologie nella realtà astigiana del settore primario, con una attenzione particolare agli esempi virtuosi di economia sociale, tra progetti concreti e idee.
  • L’artigianato astigiano e gli antichi mestieri dialogano con l’attuale sistema di formazione professionale per trovare nuove opportunità di sviluppo?
  • Esiste un’integrazione virtuosa tra i tre settori del lavoro (primario, secondario e terziario) e l’università? Qual è la relazione fra il sistema universitario locale e l’ingresso dei laureati nel mondo del lavoro?
  • Monferrato e riconoscimento Unesco: quali strategie per favorire il turismo nei territori dei paesaggi vitivinicoli riconosciuti Patrimonio dell’Umanità?

 

  • SERVIZI ALLA PERSONA

Ad esempio:

  • Ogni professionalità dovrebbe contemplare il principio della dignità umana. Come viene affrontato questo valore nell'imprenditoria relativa ai servizi alla persona? Quali sono i veri criteri di "dignità" e "degnità" professionale?
  • Quali sono i caratteri delle attività assistenziali e solidaristiche della realtà astigiana? Come agiscono in favore delle minoranze e dei membri della nuova povertà? Quali i loro risultati a livello sociale e morale?
  • L'assistenza alle fasce deboli del territorio astigiano tra impegno delle istituzioni e volontariato, con particolare attenzione agli anziani non come problema ma come risorsa ed opportunità di coesione sociale.
  • L’attività motoria e sportiva come elemento di benessere psicofisico della persona.
  • Riforma del Terzo Settore: il ruolo dell’impresa sociale nei percorsi di inserimento lavorativo e sociale di persone che vivono in situazioni di disagio.

 

Particolare attenzione sarà dedicata ad una tesi dedicata al dottor Aris d’Anelli, per la sua attività di medico (fondatore e primario del Reparto di Cardiologia presso l’ospedale di Asti e medico volontario in Africa, dove nacque) e per i contributi offerti alla cultura astigiana come scrittore e studioso di storia locale e di storia del cinema. Si vuole in tal modo dare uno specifico contributo di ricerca e di valorizzazione documentale degli studi, delle opere, dello stile di vita della personalità a cui è intitolato il bando nel corrente anno.


 

DESTINATARI E CONDIZIONI DI PARTECIPAZIONE

Studenti universitari impegnati nella preparazione o che discuteranno tesi di laurea, laurea magistrale, di master o di dottorati di ricerca nel periodo dal 1° giugno 2018 al 31 luglio 2019.

Possono partecipare al concorso studenti:

  • iscritti a corsi di laurea, laurea magistrale, a master universitari o a dottorati di ricerca di tipo giuridico-economico, sociale-sanitario, tecnico-scientifico, umanistico-storico-artistico-letterario, negli anni accademici 2016/2017 e 2017/2018, in corso o non, che intendano concludere il ciclo di studi a partire dalla sessione estiva 2018 ed entro la sessione estiva 2019;
  • che abbiano superato gli esami previsti dal piano di studi con una media di almeno 90/110 o valutazione equipollente;
  • che abbiano avuto assegnata, secondo le procedure in vigore nel dipartimento di appartenenza o nei master, una tesi di laurea attinente ai temi suddetti.


 

MODALITA’ DI ISCRIZIONE E DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE

La candidatura alla borsa di studio può avvenire compilando la scheda apposita pubblicata sul sito www.uni-astiss.eu ed inviandola alla relativa casella e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

 

La successiva domanda di conferma della candidatura dovrà essere corredata dalla seguente documentazione, che il candidato sottoscriverà sotto la propria responsabilità, a pena di esclusione:

  • scheda di partecipazione con i dati anagrafici;
  • curriculum vitae;
  • scheda con i dati di identificazione del progetto di tesi (Università, Dipartimento, Relatori, Correlatori, Anno Accademico, indicazione sessione di laurea in cui è o verrà discusso l’elaborato);
  • elenco degli esami/crediti sostenuti/acquisiti nel ciclo di studi e votazioni conseguite con relativa media;
  • sintesi del progetto (massimo 10 cartelle stampate in formato A4, carattere Arial 12, interlinea singola) che descriva la ragione della scelta del tema, gli obiettivi e il modus operandi delle ricerche, i risultati attesi.

 

La domanda di conferma della candidatura e gli allegati dovranno pervenire, in plico chiuso, all’attenzione della dott.ssa Claudia Solaro, segretaria della Commissione di Valutazione, presso il Polo Universitario Rita Levi-Montalcini, Area Fabrizio De Andrè, Ex Caserma Colli di Felizzano, 14100 Asti, entro e non oltre il 27 aprile 2018.

Il mancato rispetto dei tempi di consegna, l’assenza dei requisiti di partecipazione richiesti, la difformità degli elaborati rispetto a quanto previsto nel presente bando costituiscono motivo di esclusione dalla selezione da parte della commissione giudicatrice.

Per le spedizioni a mezzo servizio postale o corriere privato, farà fede la data di spedizione.

 

COMMISSIONE DI VALUTAZIONE

I candidati saranno valutati da una Commissione nominata dal Progetto culturale della Diocesi di Asti e saranno informati circa l’esito della domanda nel mese di maggio 2018.

 

Criteri

La Commissione esaminerà i contenuti delle tesi in elaborazione, riferite all’arco temporale indicato e presentate entro i termini stabiliti dal presente bando, secondo i seguenti criteri:

  • l’originalità dei contenuti proposti;
  • l’effettiva coerenza con gli scopi del presente bando, ovvero la trattazione di argomenti collegati a economia, cultura, ricerca, scienza e tecnologie in relazione al territorio e alla comunità astigiani;
  • la qualità del metodo di ricerca proposto dallo studente;
  • gli esiti attesi in base alle suddette altre discriminanti di valutazione;
  • la qualità e il livello di utilità scientifica della ricerca.

Al momento dell’insediamento la Commissione stabilirà, a suo insindacabile giudizio, criteri più analitici di stima esprimibili sia in giudizi ponderali, sia in punteggio numerico.

 

ASSEGNAZIONE PREMI

Gli esiti della selezione, con l’individuazione dei vincitori e l’assegnazione dei premi, verranno comunicati ai vincitori e pubblicati sul sito www.uni-astiss.eu entro il mese di maggio 2018 e la consegna della borsa di studio avverrà nel corso di un evento pubblico, organizzato dal Progetto culturale della Diocesi di Asti in collaborazione con il Consorzio Asti Studi Superiori Polo Universitario Rita Levi-Montalcini.

L’accertata mendacità delle dichiarazioni fornite comporterà la sospensione o la revoca del premio. L’importo dei premi verrà corrisposto ai vincitori a seguito della premiazione e contestualmente con l’avvio del loro percorso di ricerche per la tesi di laurea, previa consegna della citata documentazione secondo le modalità del bando.

 

ADESIONE AL BANDO

Con l’invio della documentazione necessaria per l’ammissione al concorso, i partecipanti al Premio:

  • accettano e aderiscono a tutte le norme stabilite dal presente bando;
  • acconsentono alla non restituzione del materiale inviato;
  • autorizzano Progetto culturale della Diocesi di Asti e Consorzio Asti Studi Superiori Polo Universitario Rita Levi-Montalcini ad utilizzare e divulgare i contenuti delle opere e dei progetti elaborati come tesi di laurea per pubblicazioni totali o parziali, con citazione della fonte, senza aver nulla a pretendere in merito ai diritti d’autore;
  • si impegnano a tenere indenne il Progetto culturale della Diocesi di Asti e il Consorzio Asti Studi Superiori Polo Universitario Rita Levi-Montalcini da eventuali contestazioni, pretese o giudizi relativi ai contenuti delle opere e dei progetti elaborati come tesi di laurea utilizzati e divulgati per le pubblicazioni indicate al punto precedente. La Direzione del Premio si riserva ogni variazione che si renda necessaria per la migliore realizzazione, nonché ogni richiesta d’integrazione del materiale;
  • si impegnano a tenere informata la segreteria del premio degli sviluppi formativi e lavorativi che caratterizzano il loro dopo-laurea;
  • si rendono disponibili a presentare i propri progetti di tesi in incontri pubblici su invito dei promotori del presente Bando.

 

 

TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Ai sensi dell’art. 13 del D. lgs. 196/2003, i dati personali forniti dai candidati saranno raccolti esclusivamente per le finalità di gestione del concorso e saranno trattati, anche successivamente all’eventuale assegnazione del premio, per le finalità inerenti alla gestione del medesimo.

Il conferimento dei dati è obbligatorio ai fini della valutazione dei requisiti di partecipazione.

In merito al trattamento dei dati personali, l’interessato gode dei diritti di cui all’art. 7 della legge di cui sopra. Tali diritti potranno essere fatti valere nei confronti di Progetto culturale della Diocesi di Asti e Consorzio Asti Studi Superiori Polo Universitario Rita Levi-Montalcini, titolari del trattamento.

 

SEGRETERIA BANDO E INDIRIZZI DI RIFERIMENTO

Per informazioni contattare la dott.ssa Claudia Solaro al numero 339 - 5483041 nelle giornate di martedì dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e di giovedì dalle ore 10.00 alle 12.00.

La consegna della documentazione, all’attenzione della dott.ssa Claudia Solaro, dovrà avvenire presso il Polo Universitario Rita Levi-Montalcini, Area Fabrizio De Andrè, Ex Caserma Colli di Felizzano, 14100 Asti.

 

Scarica

 

 




 

 

 

 

 

BANDO “UN CALCIO AL RAZZISMO”

VIII edizione 2017/2018

 

1.   Il Bando “Un Calcio al Razzismo”

 Il Centro per l’UNESCO di Torino bandisce, con il patrocinio e il contributo di Juventus Football Club S.p.A., la VIII edizione del Bando “Un Calcio al Razzismo”, assegnando una borsa di studio ed un contributo liberale dell’importo di 5.000,00 € lordi ciascuno, secondo quanto segue.

 

2.   Soggetti che possono presentare la domanda

 Possono presentare la domanda:

 

  1. Giovani tra i 18 e i 25 anni, residenti in Italia, di nazionalità italiana o non (BANDO A);
  2. Associazioni di volontariato – ONLUS, operanti nella Regione Piemonte e iscritte al Registro Regionale del Volontariato (BANDO B).  

 

3.   Obiettivi del Bando “Un Calcio al Razzismo”

 I partecipanti dovranno sviluppare e dettagliare un progetto di impiego della somma della borsa di studio e del contributo liberale in palio. 

Tale progetto deve prevedere azioni concrete volte a favorire l’integrazione ed eliminare la discriminazione etnica. Le attività devono essere svolte entro il primo semestre del 2018.

 

4.   Modalità di compilazione della domanda 

 La domanda di partecipazione, in carta libera, dovrà essere inviata, con i relativi allegati (vedi elenco sottostante): 

 a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento al seguente indirizzo:

“Bando “Un Calcio al Razzismo” – 

Centro per l’UNESCO di Torino, Viale Maestri del Lavoro, 10, 10127 Torino.  

 oppure a mezzo PEC all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

entro il 15 dicembre 2017.

 

LEGGI E SCARICA IL BANDO COMPLETO

 



 

 

 

 

 

 

 

La CARITAS PIEMONTE ha elargito 14 borse di studio 

destinate agli studenti universitari per partecipare ai workshop del progetto  

"BANCA DEL FARE" sulle tecniche di costruzione tradizionali dell'Alta Langa.

 

La CARITAS PIEMONTE ha elargito 14 borse di studio destinate agli studenti universitari per partecipare ai workshop del progetto  "BANCA DEL FARE" sulle tecniche di costruzione tradizionali dell'Alta Langa.

Le borse di studio sono rivolte a studenti in situazione di difficoltà socio-economica, che devono rispondere alle seguenti caratteristiche:  

- ISEE famigliare non superiore a euro 25. 000

- studenti iscritti fuori sede (caratteristica valida per i frequentanti le università con sede a Torino)

Vengono messe a disposizione due borse di studio per ogni sessione di workshop da due settimane, che prenderanno avvio il 18 di questo mese. 

Qualsiasi studente sia interessato e ritenga di possedere i requisiti richiesti per l'assegnazione della borsa di studio, è invitato a contattare lo staff della Banca del Fare per presentare la sua candidatura.

Si ricorda che il progetto di formazione la "BANCA DEL FARE" per l'estate 2017 prevede 7 workshop, dal 18 giugno al 26 settembre, in sessioni da due settimane e 3 corsi di una settimana sul restauro dei mobili e che il termine per le iscrizioni del secondo workshop scadrà a breve.

La materia dei corsi sara' il riecupero dei "Ciabot", piccole costruzioni tradizionali in pietra e legno. 

La scala ridotta degli edifici consente nel ciclo dei corsi di affrontare le varie fasi del recupero: rifacimento della copertura, consolidamento murature in pietra, realizzazione di intonaci in calce..

Si imparerà attraverso laboratori "sul campo" che consentono di fare pratica e sperimentare in presa diretta, in scala 1:1.
Gli edifici da recuperare saranno le nostre "aule" e i maestri artigiani  i nostri insegnanti.

Conferenze e lezioni teorico-pratiche saranno tenute da docenti esterni specializzati sui temi del restauro, dell'antropologia dell'abitare, dell'autocostruzione, della sperimentazione di materiali e delle tecniche tradizionali a basso impatto ambientale.

_ Riconoscimento crediti formativi da parte del Politecnico di Torino, dell'Istituto Universitario di Architettura di Venezia (IUAV) e dell'Università degli Studi di Firenze
_ Possibilita' di tirocinio per gli studenti del Politecnico di Torino
_ Possibilita' di frequentare un'unica settimana 

Realizzato dall'associazione no-profit  Parco Culturale Alta Langa con sede a Monesiglio (CN), con il sostegno della Compagnia di San Paolo, della Fondazione CRT e della Fondazione CRC.

Scarica la brochure in allegato per maggiori dettagli.  
ulteriori informazioni al sito: www.parcoculturalealtalanga.org/banca-del-fare/la-cascina-crocetta/
seguici su facebookhttps://goo.gl/8DCYwW

per info chiama al: 349 55 03632  Nadia Battaglio tutor didattico dei cantieri

 

 



 

Il C.I.S.A. - ASTI SUD Consorzio Intercomunale Socio-Assistenziale CERCA n. 6 VOLONTARI da impiegare nel Progetto di Servizio Civile con possibilità di riconoscimento di parte del tirocinio e relativi CFU agli studenti del 2° e 3° anno del Corso di Laurea in Servizio Sociale

 

 

il C.I.S.A. - ASTI SUD - Consorzio Intercomunale Socio-Assistenziale

con sede a Nizza Monferrato, Via Gozzellini n.56

CERCA N.6 VOLONTARI PER IL SERVIZIO CIVILE

 

In attuazione del Bando per la selezione di 913 volontari da impiegare in progetti di Servizio Civile Nazionale nella
Regione Piemonte, verrà effettuata una selezione per un numero di 6 volontari da impiegare nel Progetto di Servizio
Civile "NOI CI SIAMO!" per il sostegno della domiciliarità e sviluppo della rete sociale per anziani, minori, handicap e
comunità.

Come indicato nel Bando per il Reclutamento dei Volontari, all'articolo 3 "Requisiti e condizioni di ammissione", "ad
eccezione degli appartenenti ai corpi militari o alle forze di polizia, possono partecipare alla selezione i giovani, senza
distinzione di sesso che, alla data di presentazione della domanda, abbiano compiuto il diciottesimo e non superato il
ventottesimo anno di età, in possesso dei seguenti requisiti:

  • cittadini italiani e dell'Unione Europea;
  • cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti;
  • non aver riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non
    colposo ovvero ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente
    detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, ovvero per delitti
    riguardanti l'appartenenza o il favoreggiamento a gruppi evasivi, terroristici o di criminalità organizzata.

Inoltre non possono presentare domanda i giovani che: 1) abbiano già prestato servizio civile nazionale, oppure abbiano
interrotto il servizio prima della scadenza prevista, o che alla data di pubblicazione del bando siano impegnati nella
realizzazione di progetti di servizio civile nazionale ai sensi della legge n. 64 del 2001, ovvero per l'attuazione del
Programma europeo Garanzia Giovani; 2) abbiano in corso con l'ente che realizza il progetto rapporti di lavoro o di
collaborazione retribuita a qualunque titolo, ovvero che abbiano avuto tali rapporti nell'anno precedente di durata
superiore a tre mesi.

Non costituisce causa ostativa alla presentazione della domanda di Servizio Civile Nazionale l'aver già svolto il servizio
civile nell'ambito del programma europeo "Garanzia Giovani" o l'aver interrotto il servizio civile nazionale a conclusione di
un procedimento sanzionatorio a carico dell'Ente originato da segnalazione dei volontari.

In relazione alla specificità del progetto dell'Ente, vengono richiesti i seguenti ulteriori requisiti rispetto a quelli sopra
indicati: possesso di patente B per consentire gli spostamenti sul territorio, diploma di scuola media superiore, attitudine ai
rapporti interpersonali e disponibilità al rapporto con persone in situazione di grave disagio sociale. Requisiti aggiuntivi
richiesti sono: formazione e/o propensione per i livelli di studi superiori in ambito sociale / sanitario / psicologico /
educativo / umanistico; esperienze di volontariato; attitudine ad attività espressivo / creative.

  • La durata del servizio è di 12 mesi, 1400 ore annue (circa 30 ore settimanali), con un trattamento economico
    mensile di Euro 433,80
  • L'Università "A. Avogadro" riconosce parte del tirocinio e relativi CFU agli studenti del 2° e 3° anno del
    Corso di Laurea in Servizio Sociale
  • Il Consorzio C.I.S.A. - ASTI SUD riconosce crediti formativi nell'ambito della formazione di base per
    Operatori Socio Sanitari acquisiti attraverso la partecipazione al progetto "NOI CI SIAMO!"
  • L'APRO, Agenzia Formativa e di Orientamento e Agenzia per i Servizi al Lavoro, riconosce ai volontari le
    competenze acquisite nel corso del Servizio Civile Nazionale ai fini del Curriculum Vitae

Le domande dovranno pervenire entro le ore 14.00 del 26 GIUGNO 2017 al C.I.S.A. - ASTI SUD, Via Gozzellini 56,
14049 Nizza Monferrato e potranno essere presentate esclusivamente nelle seguenti modalità: 1) con Posta Elettronica
Certificata (PEC) di cui è titolare l'interessato, all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. avendo cura di allegare tutta la
documentazione richiesta in formato pdf; 2) a mezzo "raccomandata A/R" (non fa fede il timbro postale della data di
spedizione); 3) a mano.

Per informazioni rivolgersi ai numeri di telefono 0141-7204204 e 0141/782424, oppure visitare il sito internet all'indirizzo
www.cisaastisud.it. I moduli per la presentazione delle domande (allegato 2 e allegato 3) sono scaricabili anche dal sito
internet www.serviziocivile.gov.it

 

La locandina

La sintesi del progetto

Il bando della Regione piemonte

 

 



 

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

ENTRO IL 29 SETTEMBRE 2017

 

BORSE DI STUDIO ALESSANDRINA QUARELLO
La Confartigianato consegnerà tre assegni di studio per un importo complessivo di milleduecento euro
La  Confartigianato  –  Associazione  Artigiani  di  Asti –  ha  bandito  tre  borse  di  studio  intitolate  alla memoria di Alessandrina Quadrello, moglie di Giovanni Nebiolo, già Presidente dell’Associazione dalla sua  fondazione  fino  al  1969,  invece  la  Borsa  di  Studio  per  la  Laurea  è  a  ricordo  del  collega  Mario Cornacchia.
Una borsa di studio del valore di € 250,00 è riservata agli studenti che conseguano la licenza di scuola primaria di primo grado nell’anno scolastico 2016/2017; un’altra del valore di € 450,00 viene riservata agli studenti delle scuole primarie di secondo grado e un’ultima del valore di € 500,00 viene riservata agli studenti che conseguono la laurea.
I partecipanti dovranno presentare le domande entroil 29 settembre 2017 prossimo all’Associazione Artigiani  in  Piazza  Cattedrale,  2  ad  Asti  allegando il  certificato  scolastico  con  i  voti  riportati  nell’anno scolastico  2016/2017,  la  copia  –  in  carta  semplice  –  del  certificato  che  comprovi  l’iscrizione  del  genitore all’Albo  delle  Imprese  Artigiane  della  Provincia  di Asti  e  una  copia,  in  carta  semplice,  dell’iscrizione all’Associazione Artigiani della Provincia di Asti.Ulteriori informazioni possono essere richieste alnumero telefonico 0141/596.222 (Sig.ra Clara

 

 

BANDO DI CONCORSO
ANNO SCOLASTICO 2016 - 2017


Sono istituite dalla  Confartigianato –  Associazione Artigiani della Provincia di Asti tre  borse  di  studio  aventi  lo  scopo  di  incoraggiare,  aiutare  e  premiare  l’attività scolastica  dei  figli  degli  artigiani  iscritti  all’Associazione  stessa,  a  ricordo  di Alessandrina  Quarello,  moglie  di  Giovanni  Nebiolo,  già  presidente dell’Associazione dalla sua fondazione fino al 1969 sono intestate le Borse di Studio per le Scuola Media Inferiore e Superiore; invece la Borsa di Studio per la Laurea è a ricordo del collega Mario Cornacchia.


Gli assegni sono così suddivisi

Hanno  diritto  a  concorrere  alla
“Seconda”  Borsa  di  Studio
coloro  che  abbiano  conseguito
la  Licenza  di  Scuola
secondaria  di  primo  grado
(Licenza  Media)  nell’anno
scolastico 2016/2017
Studenti di Scuola secondaria
di primo grado
n. 1 assegno di Euro 250,00
Hanno  diritto  a  concorrere  alla
“Seconda”  Borsa  di  Studio
coloro  che  abbiano  conseguito
la  Licenza  di  Scuola
secondaria  di  secondo  grado
(Maturità/Diploma)  nell’anno
scolastico 2016/2017
Studenti di Scuola secondaria
di secondo grado
n. 1 assegno di Euro 450,00
Hanno  diritto  a  concorrere  alla
“Terza”  Borsa  di  Studio  coloro
che  abbiano  conseguito  la
Laurea  Triennale  o
Magistralenell’anno scolastico
2016/2017
Studenti Universitari
n. 1 assegno di Euro 500,00





I  partecipanti  devono  presentare  domanda  in  carta  semplice  entro  il  29  settembre 2017 alla Confartigianato- Associazione Artigiani della Provincia di Asti con sede in Piazza Cattedrale, 2.

Le domande devono essere correlate dai seguenti documenti:
1.  Certificato scolastico attestante i voti riportati nell’anno scolastico 2016/2017;
2.  Copia  in  carta  semplice  dell’iscrizione  del  genitore  all’Albo  delle  Imprese
Artigiane della Provincia di Asti;
3.  Copia  in  carte  semplice  dell’iscrizione  all’Associazione  Artigiani della
Provincia di Asti.

 

IL BANDO

IL COMUNICATO STAMPA



 

 

 

ISTITUZIONE BORSE DI STUDIO

Il Progetto Culturale della Diocesi di Asti in collaborazione con il consorzio Asti Studi Superiori
promuove un bando per l'assegnazione di sei borse per lo svolgimento di tesi di laurea, con lo
scopo di incentivare gli studenti universitari a trattare, nelle loro tesi di laurea triennale, magistrale,
di master o di dottorato di ricerca, tematiche inerenti l'economia, la cultura, la società, la ricerca, la
scienza e le tecnologie, da porre in stretta relazione ai territori e alle comunità della Provincia e/o
Diocesi di Asti, anche in considerazione di quanto riconosciuto dall'Unesco come patrimonio
dell'Umanità.

MODALITÀ

Le borse di studio hanno la particolarità di essere consegnate non alla fine del ciclo di studi
universitari, bensì al momento della scelta della tesi da discutere proprio per favorire
concretamente il percorso di ricerca volto alla redazione della loro trattazione scientifica.

Le borse di studio saranno elargite quale contributo alle spese sostenute nel corso delle attività di
ricerca e di redazione della tesi, da discutere nel periodo indicato dal presente bando e consistono
in cinque borse da € 500,00.

In via eccezionale, e limitatamente a questa ottava edizione del bando, una sesta borsa di studio di
€ 2.000,00 viene offerta dalla famiglia d'Anelli, per una tesi che riguardi la personalità del
compianto dottor Aris d'Anelli ed i suoi interessi di medico, di studioso e di letterato.

CONTENUTI

Le tesi di laurea dovranno vertere su temi inerenti gli ambiti dell'economia, dell'ambiente e dei
servizi alla persona, con peculiare riguardo alla realtà della città, della Provincia e/o della Diocesi
di Asti.

Scadenza 28 aprile 2017

PER ULTERIORI INFORMAZIONI, PER IL BANDO E LA RICHIESTA DI AMMISSIONE




 

 

 

Centro Studi Cultura e Società

Con il patrocinio di:

Regione Piemonte; Consiglio Regionale; Città Metropolitana di Torino; Città di Torino

Premio Piemonte Letteratura

Una sezione per le Tesi di Laurea delle Università del Piemonte

XXIV Edizione – Scadenza 02/02/2017

Info Cultura e Società: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – 347 8105522

 

Gentile Professore

Il Centro Studi Cultura e Società, con il patrocinio delle maggiori Istituzioni Regionali promuove la XXIV edizione del concorso nazionale Premio Piemonte Letteratura, il cui termine, per la presentazione delle opere, è previsto per il 2 febbraio 2017. Una apposita sezione del Premio (la sezione E) è riservata a Tesi di Laurea presentate presso le Facoltà Umanistiche delle Università del Piemonte in data non antecedente cinque anni.

Si allega il Regolamento completo del Premio Piemonte Poesia, (scaricabile anche dal sito http://culturaesocieta.gsvision.it/), nella sezione Regolamenti.

Considerato il particolare significato valore culturale che caratterizza il Premio Piemonte Letteratura, si richiede cortesemente, per quanto vi è possibile, una capillare pubblicizzazione del premio, ed in particolare della sezione Tesi di Laurea, tra i vostri studenti e neo laureati. Ringraziando per l’attenzione e la collaborazione, porgo i più cordiali saluti.

Ernesto VIDOTTO (Coordinatore di del Centro Studi Cultura e Società)

 



Entra nel Comitato Unesco Giovani: candidature aperte in Piemonte.

 

Gentilissimi,

Con la presente Vi inoltriamo con piacere il bando per la selezione di n.5 soci regionali del Comitato Giovani della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO - Dipartimento Piemonte.

Le domande per la candidatura a socio regionale dovranno essere inviate entro e non oltre le ore 12:00 del giorno 10 Ottobre 2016.

Per informazioni e/o chiarimenti siamo a disposizione.

 

Ringraziando anticipatamente per la Vostra disponibilità, Porgiamo i nostri più cordiali saluti

Comitato Giovani UNESCO Piemonte

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 Scarica il bando e la locandina

 

 

 

 

Un gruppo di astigiani riuniti nell’associazione culturale di volontariato “Tempi di fraternità” ha ricostituito  nel 2014 la Société des Sansguignon
(La compagnia dei senza pregiudizi nella lingua franco-piemontese di uso comune a Torino), ideata e voluta da Vittorio Alfieri nel 1772.
La ricostituzione è partita da un’idea di Gianfranco Monaca,  dando vita agli incontri periodici “Gli astigiani raccontano Alfieri agli astigiani” per la valorizzazione dell’attualità della figura e dell’opera alfieriana e per sottrarla alla sensazione di fastidiose memorie scolastiche o di inarrivabile sacralità che la separa ingiustamente dal nostro vivere quotidiano.
La volontà è quella di ritrovare e ripresentare l’"orfano, agiato, ineducato, e audace" che ha lottato contro le convenzioni, le convenienze e le strettoie del proprio ambiente inseguendo un eterno sogno di libertà.
Emanuele Bruzzone  è il presidente, Gianfranco Monaca il vicepresidente, Giorgio Saglietti il segretario.
Questi i recapiti: 3389320875 (Bruzzone) tel 3469859292 (Monaca) 3474341767 (Saglietti); il CSV Asti/Alessandria assicura l'assistenza tecnica: 0141.321897.

Con la volontà di ricordare la figura e l’opera di Vittorio Alfieri,
la Compagnia dei Sansguignon di Asti organizza il 

PREMIO PIAZZALFIERI ASTI

16 gennaio 31 luglio 8 0tt0bre 2016

 

Bando di concorso Tempi di fraternità onlus Asti

  1. Ogni concorrente dovrà inviare entro il 31 luglio 2016 un proprio lavoro liberamente ispirato all'opera alfieriana (narrativa, teatro, satira scritta o disegnata)
  2. La partecipazione è gratuita ed è aperta a chiunque abbia voglia di scherzare facendo cose serie su un argomento che si possa riconoscere come alfieriano. Diceva Alfieri: “Mi piaceva molto criticare le azioni degli uomini, e ci mettevo spesso del fiele, ma non erano gli uomini nquelli che io detestava, bensì i loro vizi e le loro ridicollezze. (Esquisse, 28/30)
  3. I testi, rigorosamente in formato word, tranne che per le vignette, vanno inviati al segretario del premio Gianfranco Monaca, all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Il segretario conserverà , sotto personale reponsabilità, il segreto circa l'identità di ogni singolo mittente, fonderà tutti i lavori pervenuti in un file unico in cui i singoli lavori saranno contrassegnati esclusivamente da un numero. Su quel file lavorerà la giuria e solo a valutazioni espresse e raccolte dal segretario, sarà sciolto l'anonimato.
  4. La partecipazione è aperta a lavori in ogni lingua del mondo. Ogni lavoro in lingua diversa dall'italiano va accompagnato dalla traduzione in italiano.
  5. Sono istituite le seguenti sezioni: a) Prosa (max 7mila parole);  b) Poesia in qualsivoglia forma, dalla lirica alla satira (max due componimenti, per un totale di ottanta versi);  c) Vignetta (max duelavori);  d) Testo per una canzone.
  6. La premiazione avverrà in Asti (luogo e ora da precisare) sabato 8 ottobre (anniversario della morte di Vittorio Alfieri)
  7. Premi: un oggetto-premio simbolico (medaglia o targa) e confezioni di prodotti tipici.
  8. La giuria è composta da: Gian Domenico Mazzocato, scrittore e preside emerito dell'Ateneo di Treviso; Carla Forno, responsabile Centro di Studi Alfieriani; Luigi Berzano, sociologo, docente Università di Torino; Massimo Cotto, direttore artistico, assessore alla cultura del Comune di Asti; Michele Ruggiero, giornalista RAI; Marco Sterpos, studioso alfierista.

 

SCARICA IL BANDO

 

BORSE DI STUDIO CENTRO UNIVERSITARIO CATTOLICO

 

 

 

Il Centro Universitario Cattolico eroga per l'anno accademico 2016/2017 sedici borse di studio a giovani laureati che aspirano a proseguire gli studi e attività di ricerca per inserirsi nella carriera accademica e universitaria.

La borsa di studio è annuale ed è di 6.000 euro, è rinnovabile fino a raggiungere una durata massima complessiva di tre anni.

La scadenza per la presentazione delle domande è il 30 aprile 2016.

 

 

 

 


 

 

VII EDIZIONE DEL BANDO PER ASSEGNAZIONE DI SEI BORSE DI STUDIO

Il Progetto Culturale della Diocesi di Asti in collaborazione con il consorzio Asti Studi Superiori promuove un bando per l’assegnazione di sei borse per lo svolgimento di tesi di laurea, con lo scopo di incentivare gli studenti universitari a trattare, nelle loro tesi di laurea triennali, magistrali, di Master o di Dottorati di Ricerca, tematiche inerenti l’economia, la cultura, la società, la ricerca, la scienza e le tecnologie, da porre in stretta relazione ai territori e alle comunità della Provincia e/o Diocesi di Asti, anche in considerazione di quanto riconosciuto dall’Unesco come patrimonio dell’Umanità.

 

SEGRETERIA BANDO E INDIRIZZI DI RIFERIMENTO

Consegna della documentazione o informazioni, all’attenzione della dott.ssa Claudia Solaro presso il Servizio Job Placement del Polo Universitario Asti Studi Superiori, Area Fabrizio De Andrè, Ex Caserma Colli di Felizzano, Corso Vittorio Alfieri 105 – 14100 Asti, dovranno avvenire nelle giornate di lunedì dalle 10 alle 12 e di giovedì dalle 10 alle 12.

 

 

 

 

 

 


 

 

PREMIO RENATO BORDONE

 

La Società di Studi Astesi istituisce anche quest’anno un premio per le migliori tesi di laurea sulla storia di Asti e dell’astigiano.

 

 

 

 

 

 

 


 

 

CONCORSO LIFEBILITY AWARD 6° EDIZIONE BANDO 2015-16

 

 

Cos'è Lifebility Award

Lifebility Award, giunto alla sua sesta edizione, è un concorso organizzato dall'Associazione LIFEBILITY, rivolto ai giovani tra i 18 e i 30 anni.

Premia progetti e idee innovative, sostenibili e sociali orientate al miglioramento, alla semplificazione e alla fruibilità dei servizi pubblici e privati della comunità. Il progetto è supportato da molti Lions Club italiani, Enti, Istituzioni, Aziende ed Università. Lifebility Award si differenzia dalla maggior parte dei premi similari, perché basa le proprie fondamenta sulla valenza sociale ed etica dei principi del Lions International.

 

Obiettivo

Obiettivo primario del concorso è quello di sensibilizzare i giovani all’impegno sociale, spingendoli a offrire un proprio contributo concreto e ad applicare valori etici e morali nella propria vita quotidiana. L’auspicio è che i giovani, occupando posizioni decisionali, possano essere un domani portatori di questi messaggi,per diffonderli e applicarli al sociale pubblico e privato, e per portare un reale cambiamento nella cultura della solidarietà. Nello specifico il concorso prevede che i giovani mandino proposte progettuali di sistemi e di soluzioni relative al concetto di vivibilità. Per favorire il confronto omogeneo tra idee che possono essere molto diverse tra loro, il Comitato ha istituito 7 categorie. Ogni candidato dovrà indicare per quale categoria vuole concorrere:

 

  • Energia e Ambiente
  • Nutrizione e qualità della vita
  • Bioingegneria e Biotecnologie
  • Comunicazione, Immagine e Design
  • Trasporti e Mobilità
  • Turismo e Beni Culturali
  • Innovazione Sociale

 

Novità della sesta edizione è la suddivisione in due sessioni

 

Sessione 1:

  • 29 gennaio 2016 ore 16.00: limite ultimo per la presentazione dei progetti appartenenti alle categorie “Energia e Ambiente”, “Nutrizione” e “Bioingegneria e Biotecnologie”.

 

Sessione 2:

  • 31 marzo 2016 ore 16.00: limite ultimo per la presentazione dei progetti appartenenti alle categorie “Comunicazione, Immagine e Design”, “Trasporti e mobilità”, “Turismo e beni culturali” e “Innovazione sociale”.

 

Vai all'inizio della pagina