SABATO 15 DICEMBRE

Ore 21

Spazio San Giovanni, via Natta 36, Asti

MADRI

Atto unico di e con la regia di Riccardo Fassone

 

Sabato 15 dicembre, alle ore 21, nella suggestiva cornice dello Spazio San Giovanni, attiguo alla monumentale Cattedrale dell’Assunta, andrà in scena lo spettacolo “Madri”, atto unico di e con la regia di Riccardo Fassone, interpretato da Sara Betta, Tiziana Miroglio, Susanna Nuti, Gaetano Di Natale e Sandro Marini. I canti saranno eseguiti da Ilaria Marello e le musiche dal gruppo “La Ghironda” e da Mattia Fegatilli.

L’opera presenta in parallelo la figura di Maria di Nazareth e quella di Mariam, una giovane donna costretta a lasciare il proprio paese d’origine a causa della guerra. Donne e madri distanti nel tempo, ma entrambe in attesa e accomunate dalla gioia della nascita, così come dalle speranze e dalle paure per il futuro. La salvezza guida il loro cammino, ma il loro essere madri domina la scena e ciò che emerge è l'amore, la tenerezza, i dubbi, la voglia di crescere come donne e famiglia. Le pagine dei Vangeli si mischiano con un vangelo laico dei nostri giorni che narra anch'esso la vita di una donna, di una coppia, di un figlio. 
La scena si spoglia, senza elementi se non pochi giochi di bambini e poi le parole, la musica e la preghiera.
L'autore si allontana della drammaturgia sperimentale per ritornare all'origine, con una narrazione semplice e diretta, senza strutture elaborate e ponendo al centro la persona e i suoi sentimenti.

Testo dal forte impatto emotivo e di scottante attualità che invita a riflettere sul tema dell’accoglienza attraverso lo sguardo delle madri, invitando a riscoprire e a salvaguardare l’umano che c’è in noi.

L’evento è promosso dall’Ufficio Diocesano per la Pastorale dei Migranti in collaborazione con la rassegna culturale “Avvento Revigliaschese”, il Progetto Culturale e le Comunicazioni Sociali della Diocesi di Asti.

Ingresso libero

Per informazione:

www.facebook.com/migrantes.asti

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Vai all'inizio della pagina