La Fondazione Gabriele Accomazzo presenta

Ottavia e Nerone di Vittorio Alfieri

il 15 febbraio a Torino - Teatro Erba

 

 

 

 

Venerdi' 15 febbraio alle ore 21,00 inizia la tournée in Italia del nostro spettacolo "Ottavia e Nerone" di Vittorio Alfieri.

E inizia a Torino al Teatro Erba.

Come molti di Voi sanno "Ottavia e Nerone" e' stata rappresentata, nella nostra versione, in prima assoluta ad Asti il 16 gennaio 2018, giorno del "compleanno" di Alfieri che la citta' di Asti ricorda ogni anno. Negli ultimi quattro anni la nostra Fondazione ha avuto l'onore di organizzare l'allestimento di una tragedia del suo grande concittadino.

La prima "produzione" della nostra Fondazione e' stata "Antigone" che, dopo la prima ad Asti, e' stata rappresentata oltre 40 volte in tutta Italia e lo sara' anche quest'anno in molte citta', fra cui Napoli.

CON QUESTA MAIL VOGLIAMO INVITARE TUTTI AL TEATRO ERBA IL 15 FEBBRAIO ALLE ORE 21,00.

Ci fa sempre molto piacere vedere quanto i nostri amici ci sostengono numerosi in questa nostra iniziativa che ha lo scopo, nel ricordo di Gabriele, di aiutare l'inserimento di giovani attori (ma anche tecnici, cantanti ....) nel difficilissimo mondo dell'arte.

Ci sono inoltre due importanti ragioni per intervenire:

1. la tragedia e la sua rappresentazione sono molto interessanti: potete andare al minuto 16,00 del video che trovate su internet al link

http://www.rai.it/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-17a463b5-f993-4cf9-aab5-d1b1d2eb1620.html#p=

e/o al minuto 11,30 del video che trovate su internet al link

http://www.rai.it/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-21b6b51e-fe89-40e3-97ad-ff979ecf8f30.html

(per I pochi che non lo sanno e' sufficiente cliccare sul link, cliccare sulla freccia che appare, scorrere con la manina fino al minuto indicato e poi cliccare)

2. lo spettacolo e' finalizzato alla raccolta fondi per una Associazione di volontariato che aiuta famiglie bisognose

 

PS1. In allegato trovate la brochure

PS2. Per gli appassionati alleghiamo anche il testo completo dell'opera

 


 
 
Vai all'inizio della pagina