... al polo universitario Rita Levi - Montalcini, si è insediato il comitato tecnico scientifico composto da nove membri in rappresentanza dei dipartimenti, degli istituti universitari del Piemonte, degli enti del territorio. Presidente e coordinatore del comitato è stato nominato Giorgio Calabrese, presidente del consiglio nazionale per la sicurezza alimentare del ministero della Salute, oltre che dell'organismo di controllo degli alimenti di origine animale del ministero delle politiche agricole e forestali. Con il prof. Calabrese compongono il comitato il prof. Roberto Barbato, prorettore dell'università del Piemonte Orientale; la dr.ssa Ivana Bologna per il Comune di Asti; il prof. Roberto Cavallo Perin, delegato del rettore per le sedi extra-metropolitane dell'università di Torino; il prof. Marco De Vecchi, presidente del centro studi per lo sviluppo rurale della collina, Università Torino; il prof. Cesare Emanuel, già rettore dell'ateneo del Piemonte Orientale; il prof. Vincenzo Gerbi, dipartimento di Scienze agrarie, forestali e alimentari dell'università di Torino; il prof. Carlo Grimaldi, già rettore dell'università di scienze gastronomiche di Pollenzo; il prof. Pietro Piccarolo, già presidente dell'accademia di agricoltura di Torino.

Ad aprire l'incontro di insediamento sono intervenuti il presidente del consorzio Asti Studi Superiori, Mario Sacco e il sindaco di Asti, Maurizio Rasero. Dal presidente Sacco un messaggio di metodo: "il polo universitario Rita Levi Montalcini è un'istituzione di eccellenza riconosciuta da tutti che, negli ultimi anni, è cresciuta dal punto di vista qualititativo ed anche quantitativo (studenti iscritti ai diversi corsi di laurea e master), per l'ottima offerta formativa apprezzata a livello locale e nazionale. Ora si tratta di continuare nel lavoro di valorizzazione e promozione per giungere a costituire un vero e proprio campus universitario, costruendo rapporti con il territorio, insieme agli enti consortili, il tessuto socio-economico, facendo rete con i poli universitari di Torino, del Piemonte Orientale e di Pollenzo, le istituzioni e gli enti"...

 

Continua a leggere su la Voce di Asti

 

 

Vai all'inizio della pagina