PREMIO PIAZZALFIERI

 

PREMIO PIAZZALFIERI. ASTI

Un gruppo di astigiani riuniti nell’associazione culturale di volontariato “Tempi di fraternità” (odv) ha ricostituito nel 2014 la Société des Sansguignon (la compagnia dei senza pregiudizi) ideata e voluta da Vittorio Alfieri nel 1772, per valorizzare l’attualità della figura e dell’opera alfieriana sottraendola alla sensazione di fastidiose memorie scolastiche o di inarrivabile sacralità che la separa ingiustamente dal nostro vivere quotidiano.

La volontà è quella di ritrovare e ripresentare l’”orfano, agiato, ineducato, e audace” che ha lottato contro le convenzioni, le convenienze e le strettoie del proprio ambiente inseguendo un eterno sogno di libertà (Molto oprar, poco dir, nulla vantarsi – base son di chi vuol libero farsi. Misogallo, Epigramma XX, 1-2) . A tal fine la Compagnia dei Sansguignon organizza il “Premio Piazzalfieri 2019, per valorizzare l’attualità di Vittorio Alfieri”. Questa edizione del Premio Piazzalfieri è dedicata al ricordo di Noemi Gabrielli, Sovrintendente alle Belle Arti per il Piemonte, scrittrice e storica dell’Arte molto attiva nella cultura astigiana nella seconda metà del Novecento.

1. Ogni concorrente dovrà inviare entro il 31 luglio 2020 un proprio lavoro liberamente ispirato all’Epoca Quarta /Virilità parte prima e seconda) della Vita scritta da esso di Vittorio Alfieri, scaricabile gratuitamente (www. Vittorio Alfieri.Vita.liber liber); tutti i lavori devono essere accompagnati dalla citazione del testo alfieriano – uno o più – a cui si vogliono riferire.

2. La partecipazione è gratuita ed è aperta a chiunque, come singoli o gruppi.

3. I lavori, rigorosamente anonimi e in formato word, vanno inviati al segretario del premio Gianfranco Monaca, all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. che ha facoltà di respingerli con motivazione, e solo a valutazioni espresse sarà sciolto l’anonimato. Il mittente dovrà essere specificato con la propria scheda anagrafica .

4. La partecipazione è aperta a lavori in ogni lingua del mondo. Ogni lavoro in lingua diversa dall’italiano va accompagnato dalla traduzione in italiano.

5 Sono istituite le seguenti sezioni: a) Prosa (max 7mila parole) b) poesia in qualsivoglia forma, lirica o satira o testo per canzone (max due componimenti, per un totale di ottanta versi); c) Grafica tradizionale o digitale (max due lavori per tipo di tecnica, da inviare in pdf o jpg); d) Corto (massimo 7 minuti) riservato esclusivamente agli istituti scolastici di ogni ordine e grado anche se realizzato da singoli o gruppi, con la più ampia libertà di scelta riguardo ai contenuti e allo stile, fermo restando quanto disposto al punto 1.

6. La premiazione avverrà in Asti sabato 10 ottobre 2019 (in memoria della morte di Vittorio Alfieri, 8 ottobre 1803).

Sarà precisato il luogo e l’ora entro il 1 ottobre.

7 Per ogni sezione sono istituiti un primo premio con eventuale dignità di stampa) e un secondo premio. La giuria si riserva di non assegnare premi e di procedere ad eventuali segnalazioni. Premi: un oggetto-premio prodotto d’arte locale. L’esito del “Premio” sarà pubblicato alla stampa locale e nazionale e in particolare su www.tempidifraternita.it ; gli elaborati restano di proprietà degli autori; quelli premiati o segnalati saranno solo parzialmente pubblicati per le esigenze d’informazione.

Il nome dei componenti la Giuria sarà comunicato il 1 agosto 2020.

Associazione culturale di volontariato (odv), Luisa Vigna presidente,

Gianfranco Monaca vicepresidente, Giorgio Saglietti segretario.

Questi i recapiti: 0141.653021(Vigna) 0141.216642 (Monaca) 3474341767 (Saglietti); il CSV Asti/Alessandria assicura l’assistenza tecnica: 0141.321897.

Gli autori premiati nelle passate edizioni del “Premio Piazzalfieri” possono concorrere e, se meritevoli a giudizio della giuria, il loro lavori potranno essere segnalati ma non premiati

Asti, 16 gennaio 2020, 271° anniversario della nascita di Vittorio Alfieri

Con il patrocinio del Comune di Asti e della Fondazione Centro Studi Alfieriani.

Vai all'inizio della pagina