"Io Lavoro" dedicato al settore socio-sanitario è stato organizzato oggi al polo universitario Rita Levi Montalcini. Alla prima edizione del salone per le professioni rivolte alla cura e assistenza alle persone hanno partecipato 27 aziende e cooperative, otto fra associazioni, istituzioni e partner e circa 200 visitatori.

Un'edizione ancora contenuta ma di enorme potenzialità sia per le opportunità di lavoro che genera il settore dell'assistenza e cura a persone, affette a svariate patologie e di ogni fascia di età; sia per il coinvolgimento di giovani, soprattutto coloro in uscita dalle scuole professionali o dalle quinte degli istituti superiori di secondo grado oggi assenti in quanto ad anno scolastico concluso e in buona parte impegnati negli obblighi degli esami di maturità.

La mattinata si è aperta con i saluti degli amministratori e dei responsabili di Agenzia Piemonte Lavoro partner insieme ad Astiss dell'iniziativa. Di questi ricordiamo il presidente del consorzio universitario Mario Sacco, il sindaco Maurizio Rasero, l'assessore comunale al Lavoro, Marcello Coppo, l'assessore alle Politiche Sociali, Mariangela CottoMassimo Tamiatti di Agenzia Piemonte Lavoro che ha portato i saluti del direttore Claudio Spadon, la responsabile della sede di Asti del Centro Impiego, Marina Porta, il direttore Astiss Francesco Scalfari il direttore del Personale Asl AT Mario Raviola, il responsabile Astiss, Luigi Graglia, ideatore del nuovo salone sulle professioni sanitarie e altri.

Il presidente Mario Sacco ha sostenuto fin da subito il progetto Io Lavoro "in quanto - dice - abbiamo bisogno di distinguerci per qualità dei servizi e nella formazione universitaria in quanto il nostro territorio richiede e assorbe questo tipo di professionisti per i quali sono richiesti rigore, preparazione, disponibilità degli addetti formati da parte delle aziende. Astiss attraverso i propri corsi Infermieristica, di Operatore socio sanitario Oss, di Servizio sociale, di Scienze Motorie è in grado di formare ottimi laureati che in tempi rapidi o comunque nell'arco di qualche mese trovano occupazione... 

 

Continua a leggere su La Voce di Asti.it

 

Vai all'inizio della pagina