Si è tenuta ieri al Polo Universitario Rita Levi Montalcini la conferenza stampa conclusiva del progetto Summer School di Scienze Motorie e Sportive Suism “Chinesiologia di Rigenerazione”. L’incontro si aperto con i saluti del presidente del polo Astiss, Mario Sacco, del sindaco di Asti, Maurizio Rasero, del presidente Suism, Giorgio Gilli , del responsabile scientifico del corso, Claudio Zignin. Presente il direttore Astiss, Francesco Scalfari. È seguito un bilancio del corso da parte dei docenti Eleonora Baldan, Silvia Bonetta, Cesare Delaude, Alessia Moroni. Presenti alcuni dei 50 corsisti, la maggior parte dottori in Scienze motorie, più alcuni professionisti già inseriti nel mondo del lavoro.

Nel suo saluto alla platea, Sacco ha ringraziato per la collaborazione  l’Università degli Studi di Torino, la Cassa di Risparmio di Asti, il Comune di Asti, Federsanità, docenti, ricercatori, personale di segreteria. “L’87% della spesa regionale – ha sottolineato il presidente Astiss – è dedicata alla salute, negli ultimi vent’anni la spesa farmacologica pro capite si è triplicata“. Cosa fare? “È necessario investire sull’informazione, sulla formazione e sull’ educazione. Iniziative come il master di Chinesiologia – prosegue – va nella direzione giusta. Il polo universitario è disponibile a stringere alleanze con il corso per promuovere formazione utile alla categoria professionale e ad investire in nuove tecnologie e altre risorse strumentali, quali i collegamenti wi-fi o lezioni in streeming, per favorire la diffusione e la comunicazione di buone prassi formative“.

 

Continua a leggere su DENTRO LA NOTIZIA del 9 ottobre 2020

Vai all'inizio della pagina